Telefonie sentimentali

Scuse incredibili per sottrarsi ai monologhi degli operatori dei call center? Oppure insulti e maleducazione contro chi sta solo svolgendo il proprio lavoro? Da una parte o dall’altra, tutti ci siamo trovati in questa situazione.

Se è vero che qualche operatore esagera un po’ e non accetta il “no grazie”, è anche vero che molti utenti sono poco rispettosi.

Come sempre: la virtù sta nel mezzo. 

Qui di seguito la telefonata avvenuta oggi tra l’operatrice della ditta che chiameremo ZETA

e la signorina Nomicosecittà.

call center

O: «Buongiorno signora, chiamo dalla direzione commerciale di Zeta»

N: «Buongiorno, mi dica»

O: «Volevo presentarle le vantaggiose offerte di Zeta, riservate ai nuovi clienti. Passando a Zeta sulla rete fissa, con soli tot euro, lei avrà a disposizione chiamate illimitate e internet illimitato. Inoltre sono previsti sconti per le chiamate verso i cellulari»

N: «Ho capito signora, la ringrazio molto ma non sono interessata»

O: «E perché?»

N: «Perché sono da sempre cliente di Ypsilon e non ho motivi di cambiare»

O: «Ma con Zeta pagherebbe meno che con Ypsilon»

N: «Lo immagino, ma davvero mi trovo molto bene con Ypsilon e preferisco non cambiare»

O: «Signora finiscono i matrimoni dopo anni e lei non vuole lasciare Ypsilon per Zeta!»

N: «… E c’ha ragione pure lei, signora mia. Però visto che di mariti, nemmeno l’ombra… almeno mi tengo stretto Ypsilon, che non mi ha mai tradito!»

 

Annunci

«Non è come pensi»

Ecco 5 situazioni in cui, almeno una volta, avete sentito dire questa frase

(Ovviamente, com’è abitudine di Nomicosecittà, sono tutte storie vere)

 

  • «Non è come pensi», ha detto L.

E sua madre avrà pensato: «Già, non è come penso. Tu sei al parco, di mercoledì mattina, perché hai deciso che da grande immolerai la tua vita alla causa della natura e dell’ambiente. Per questo hai saltato il compito di greco, per iniziare a prendere confidenza con tutte le “erbe” che esistono sulla terra».

  • «Non è come pensi», ha detto D.

E lei avrà pensato: «No. Non è come penso. Ti sei accorto del precoce e improvviso invecchiamento della tua pelle, così hai avvertito  l’esigenza di rivolgerti a una dermatologa. E la tua preoccupazione era talmente urgente, che hai sottoposto il tuo viso alle dolci mani della dottoressa, a mezzanotte. In un improvvisato ambulatorio, su 4 ruote».

Aron

  • «Bauuu – uu – uuu », che nella lingua dei cani vuol dire: «Non è come pensi». Così ha abbaiato Aron, mentre stringeva tra i denti un rametto di basilico.

E M. non si è arrabbiata, ma ha giustamente pensato che il suo terrazzo fosse stato selvaggiamente colpito da un attacco alieno. E Aron, il suo fedele Husky, ha semplicemente difeso, con coraggio, il territorio. Purtroppo negli scontri, hanno perso la vita tutte le piante, le ciabatte, i palloni e i calzini che dimoravano nei dintorni.

  • «Non è come pensi», ha detto G.

Del resto, suo marito proprio non si aspettava una frase del genere! Ed effettivamente, non aveva avuto tempo di pensare a nulla. Era solo tornato prima da lavoro e voleva riposare un po’. Ma per quello “spettacolo”, i posti erano già tutti occupati.

  • «Non è come pensate», ha detto F.

E i genitori non avevano mica pensato che davanti ai loro occhi, nel loro salone, si stava svolgendo una festa cui erano invitati tutti i 16enni della città! Anzi. Avevano subito capito che il povero F. si era sentito terribilmente solo e abbandonato, mentre i suoi genitori erano fuori per il week end. Così aveva chiesto la compagnia di “qualche” amico. Ma si sa, i ragazzini sono così generosi… E in 47 avevano subito risposto al suo appello!

P.S.: Tranquilli, era esattamente come avevate pensato voi!