Irrompe!

Estate 2018. Una mattina di luglio, da qualche parte. Gioco delle belle statuine. Quando la musica si interrompe, i bambini rimangono immobili.

Alessandro, anni 4, fa una bella osservazione che rompe il silenzio.

Dolcemente.

“Ma il cuore non si ferma. Sta battendo forte”.

Com’è bella la tua vita che irrompe, che si fa sentire, piccolo Alessandro. Siamo così sordi!Con i nostri sensi intorpiditi, impauriti.

Il tuo cuore, invece, batte di curiosità. Palpita. Non trattiene la meraviglia.

È adesso, nel qui e ora. Quando tutto è immobile e cristallizzato, tu prendi la vita Alessandro. La acchiappi con le tue piccole mani e la avvicini al cuore, perché si fondino e si proteggano reciprocamente.

Vuoi ascoltare la vita, le dai l’opportunità di stupirti. Ti lasci guidare, cullare, condurre. Accarezzare.

Ti lasci accarezzare, Alessandro.

E sei tu che accarezzi la vita.

Nessuno di noi può comprendere la tua bellezza.

Noi siamo così immobili, così esultanti nel circondarci di cose immobili.

Nel tuo cuore, invece, risuona una sinfonia bellissima. E si muove, sconfina, domanda, esplora.

È la vita che irrompe. Non aver paura, Alessandro!