Storia di un semaforo

Alcuni saggi dicono che noi viviamo nella società dell’immagine, dove tutto è fatto di foto, simboli, segni.

Altri studiosi, poi, dicono che la nostra è una vita frenetica, frettolosa, piena di ansia.

Beh, io credo di aver trovato un angolo della mia città, in cui i due fenomeni (l’immagine e l’ansia) coincidono perfettamente. Ma non sono sicura che questa sia una buona idea.

L’angolo di cui parlo è (per i baresi) quello tra corso Vittorio Emanuele e corso Cavour. L’oggetto incriminato è un semaforo. Sono sicura che questo discorso, però, non riguardi solo i baresi. Ritengo, infatti, che anche in altre città ci siano semafori così “generosi”

Immagine

Inizia tutto così. E’ verde per i pedoni e tu inizi ad attraversare. Dopo pochissimo, l’amico semaforo, ti fissa e fa partire un conto alla rovescia. Sorpreeesa! Allora tu vai tranquilla, perchè pensi che in 4 secondi riuscirai ad attraversare. Ma per fare questa considerazione, hai bruciato un secondo!

Immagine

O forse due.

Considerando che non avevi mai fatto caso a questa novità…

Pensi: “Ma come siamo all’avanguardia!”

Insomma: alzi il passo, accelleri ed eccola lì…

Immagine

L’ANSIA!

Un solo secondo per raggiungere il marciapiede.

Ma sì, ce la si fa. Ovvio.

solo che: era davvero necessario un timer?

Dolce Bari

Bari, ore 8 e 50. Una coppia distinta passeggia dietro di me, in via Piccinni. Come in un sogno dalle rimembranze parigine, lei dice all’uomo che la accompagna: “On va manger du chocolat”? («Mangiamo del cioccolato»)

Lui, naturalmente, risponde: «Mais oui» («Ma certo»).

Dall’altro lato della strada, una coppietta di giovani amanti (les amants, verrebbe da dire)

esplora l’amore e l’anatomia in un intenso gioco di lingue.

Intanto, alla luce verde del semaforo, dalla seconda automobile della fila si leva una voce :

«g’a ma mov, o no?» («Ci muoviamo»).

Insomma: Bari di prima mattina sa essere dolce, piena d’amore e … multietnica!