Fino alla fine della corsa

chagall_sopra_la_citta_2

A volte mi sento frastornata e vorrei fermarmi. Vorrei che tutta l’umanità si fermasse un minuto. Solo un minuto a guardare.
A guardarsi.
A guardare se stessa, nei suoi tentativi così arroganti, e a volte ridicoli, di prevaricare sugli altri. Nel traffico, nella coda alla cassa del supermercato, perfino nella sala d’attesa del dentista. Perché noi abbiamo più fretta, più urgenza.
Vorrei che l’umanità di fermasse ad ascoltare il rumore dell’odio che passa attraverso le parole, la voce che usiamo per farci sentire più forte, i gesti. Perché la nostra opinione è più giusta, più opportuna, più vera. Ed è sempre indispensabile.


Ma le parole sono importanti. Perché lo abbiamo dimenticato? Come abbiamo fatto? La civiltà, fin dalle sue origini, ha saputo dare valore alle parole e ce le ha tramandate nei secoli. Noi, invece, le abbiamo trasformate in etichette, con cui categorizziamo e assembliamo le cose e le persone. Ormai indistintamente. I giovani, i migranti, ecc.
Come se tra quei giovani non ci fosse Angela che ama la musica e le poesie, e ha tanti difetti: per esempio è un po’ permalosa. E poi ci sono Roberto, Francesca, Luca. E tra i migranti c’è Mohammed, che da grande voleva fare il medico. Non è un numero identificativo. E’ una persona, con la sua storia, i suoi sogni.


La bellezza c’è, ne sono convinta. E’ proprio qui da qualche parte. E cerca di insinuarsi con fatica tra le nostre fragilità, le nostre profonde solitudini. La bellezza c’è, nonostante quel senso nauseante di noia e atarassia, derivante dalla velocità delle immagini e delle esperienze, dall’annullamento dell’attesa e della gradualità. C’è, nonostante quella stupida convinzione tutta umana di vivere da soli, di usare la solitudine non come momento di conoscenza interiore, ma come scudo verso l’altro.


E’ un po’ quello che scriveva Cesare Pavese, in una maniera sublime che non voglio parafrasare: «Tutto il problema della vita è questo: come rompere la propria solitudine, come comunicare con gli altri».


Comunicare – altri. Ecco un ossimoro tutto nuovo e tutto moderno. Nella società della comunicazione, delle campagne, dei nuovi media, siamo davvero capaci di comunicare, cioè di entrare in contatto con gli altri?


A volte mi sento frastornata e vorrei arrendermi, annullare i pensieri, spegnere il cuore. Vorrei sorridere e commentare l’ultima puntata di Nonsoché, perché così è facile, così va bene e così si esce dal vortice delle emozioni e delle domande e della curiosità di guardare cosa c’è dopo. Cosa può esserci ancora, dopo le cadute, le delusioni, l’abbandono.


Ma proprio non ci riesco. Fosse anche la mia ultima convinzione, me la porterò fino alla fine della corsa. Da soli non siamo nulla, e mai lo saremo.

Lettera a se stessi

infinity

Cara anima,

ti diranno che devi ragionare, calcolare, prevedere. E tu volevi solo immaginare, magari sorridere, forse amare.

Cara anima,

ti diranno che non hanno tempo ed è per questo che non ti rispondono al telefono. Ma tu volevi solo salutarli.

Cara anima,

ti diranno che questo è un mondo cattivo, in cui tutto si riduce a una feroce lotta per la sopravvivenza. E tu non vincerai mai, perché volevi dividere il pane e nutella con il tuo vicino di banco.

Cara anima,

ti diranno che l’amore non esiste, che è da sfigati. E per te, invece, è l’unica cosa che conta davvero.

Cara anima,

ti diranno che sei molto bella, molto dolce, ma non è il momento giusto. E tu ti chiedi: chi diavolo siamo noi per definire “giusto” un momento che non tornerà mai più?

Cara anima,

ti diranno che quello che hai scritto non va bene. Perché tu hai scritto la verità, e la verità non abbindola la gente, non la compra, non la persuade. Ma tu volevi solo raccontare una storia.

Cara anima,

non ti diranno nulla, non ti abbracceranno; ti scriveranno su Facebook, perché dietro lo schermo sono tutti più forti. Eppure quanto desideravi conoscere quella fragilità, che per te non è debolezza, ma solo delicatezza!

Cara anima,

ti diranno che sei una sognatrice, una romantica, che sei fuori moda. E loro di vintage preferiscono i vestiti.

Cara anima,

ti diranno che sanno già tutto, che lo hanno programmato. Ma tu vuoi  meravigliarti di piccole cose: l’arcobaleno dopo la pioggia, la tua canzone preferita in radio, nel traffico.

Cara anima,

ti diranno che hai sbagliato tutto nella vita, che sei una perdente, che lotti contro i mulini a vento e che non potrai mai cambiare il corso naturale delle cose. Distruggere è facile, ma tu sai costruire.

Cara anima,

ti diranno che sei una pedina, un numero uguale a tanti altri. Ma tu hai un cuore che batte, hanno un profumo i tuoi capelli, hai le fossette quando sorridi e sei viva.

Cara anima,

ti diranno che i libri che leggi sono vecchi e consumati. Ma non potranno mai stupirsi se Becky Sharp dirà di essere già sposata.

Cara anima,

cercheranno di tirarti giù nel loro abisso di superficialità, dove si galleggia senza fatica, senza dolore, in un perenne stato di atarassia. Ma tu hai passione, vuoi sentire, provare, condividere.

Cara anima,

ti convinceranno che non vai bene, che devi scendere a compromessi, che tanto poi… poi, domani si vedrà. Ma tu lo sai che ogni momento della vita è unico e non tornerà. Neanche per loro!

Cara anima,

ti diranno di sopravvivere. Ma tu vuoi vivere.

Cara anima,

semplicemente “ti insegneranno a non splendere. E tu splendi, invece”.

Bari, odi et amo

Immagine

“Bari

u’ ammor mi si tu…

ie penz semb a te

Bari du core mi

tu si la zita mè!”

Per chi non conoscesse il dialetto barese,

questa è una poesia d’amore per la città di Bari.

Io la mia città la amo.

Eppure, a volte, mi fa paura.

E mi rattrista.

Questa notte, a Bari, un senza tetto ha rischiato di morire.

Alcuni individui (sono forse da considerarsi persone?)

hanno bruciato le coperte con cui cercava di riscaldarsi.

Ecco le ombre di una bella città,

che potrebbe essere sempre soleggiata e piena di luce.

E invece, spesso, nasconde nel buio e nella solitudine le sue ferite.